3 idee Originali per il tuo Bar

Stai per aprire un bar o vuoi migliorare il tuo business? Ecco 3 idee che abbiamo selezionato per te, per offrirti nuovi spunti che ti aiuteranno a fidelizzare la clientela e guadagnare di più.

Segui le tendenze: il bar dei salutisti

Il tuo bar è come tutti gli altri bar della zona? Differenziati e scegli di colpire un target più specifico per avere la fila al bancone!

bar espresso

Come sicuramente ti sarai accorto, questo è il periodo in cui tutti fanno più attenzione allo stile di vita, a quello che mangiano, al benessere in generale. Ecco che il tuo bar può diventare ad esempio il punto di riferimento dei salutisti.

Scegli materie prime di qualità, strumenti professionali, come ad esempio le nostre migliori macchine da caffè con assistenza diretta per qualsiasi problema; avrai un’ottima base su cui partire.

A colazione, pensa anche a chi preferisce qualcosa di light e poco calorico, rispetto ai tradizionali cappuccino e brioche: cerca un forno nella zona che produca paste fresche senza glutine o lattosio, proponi frullati, centrifughe o estratti di frutta e mix con frutta e verdura, per accontentare chi ama lo “star bene”.

Per la pausa pranzo, prepara vaschette già pronte di cibo che si può gustare freddo (insalate, insalate di riso, cous cous) tutto a base vegetale e se rimani aperto anche a cena, proponi tartine, crostini e taglieri che accontentino tutti i palati: sul web si trovano tante ricette semplici veloci e gustose per stupire i tuoi clienti e fidelizzare i nuovi!

Fai in modo di avere sempre varietà di scelta nei tipi di latte e dolci, cura anche i classici salatini e proponi qualcosa di nuovo! Pensa ad esempio di servire chips di patatine e verdure essiccate, magari senza sale e con qualche salsa alternativa, senza uova e formaggi.

Oltre a far felici i salutisti, incontrerai il favore di tutti coloro che hanno intolleranze alimentari: facile diventare così un bar da… passaparola!

Prodotti mini, servizio maxi

Per un servizio memorabile rivolto agli avventori del tuo locale, sperimenta qualcosa di diverso dal solito: pensa ad esempio a quanto è divertente e gustoso poter assaggiare tante cose diverse quando ti portano un tagliere di assaggini… ecco, pensa ora di fare la stessa cosa con i prodotti da bere.

Il mini aperitivo ti consente di proporre assaggi di varie bibite e cocktail invogliando a fare più di una consumazione da accompagnare ovviamente con stuzzichini ad hoc.

Acquista bicchieri e cannucce più piccoli e prepara dei piatti/taglieri che possano essere riempiti e trasportati con facilità se imposti l’aperitivo a buffet.

Sarà un’esperienza divertente e nuova per la tua clientela e una maniera di lasciare la tua impronta anche nel pasto più fashion della giornata: l’aperitivo o l’apericena.

Il bar a tema: ispirati ai Paesi che fanno tendenza

Quali paesi o città fanno tendenza, sotto diversi aspetti? New York, Londra, Giappone… ecco che l’idea di un bar a tema (o che organizzi giornate a tema se si vuole variare) può sicuramente accendere la curiosità degli avventori, oltre che consentire all’imprenditore di sperimentare cose nuove.

La maniera più semplice di ispirarsi a questi mondi geograficamente lontani da noi è quella di ricreare un’atmosfera gastronomica analoga: pensa ad esempio ad un’offerta di sandwich e toast variegata in stile Mc Donald, salse di ogni tipo e patatine fritte corredati da nomi e immagini che mettono appetito alla sola vista!

Oppure ancora fish and chips in stile UK, involtini primavera e condimenti etnici… Puoi ideare ad esempio la settimana dedicata ad un paese specifico (da ripetere ovviamente in caso di successo) o creare un appuntamento fisso per portare gente nei giorni della settimana dove hai più bisogno di nuova clientela.

Sicuramente in tanti preferiranno sedersi al tuo bar piuttosto che al fast food: cibo genuino, la simpatia dei loro baristi preferiti e un’ottima miscela di caffè per concludere il pasto!

POSSIEDI UN BAR?

CLICCA QUI E ISCRIVITI AL SITO PER ACCEDERE AL LISTINO ALL’INGROSSO COI PREZZI PIÙ CONVENIENTI

Articolo pubblicato venerdì, 16 novembre, 2018

Condividi sui social
Altre informazioni su:
Business Caffè